Da quale pulpito arriva questa volta la predica. Oramai ne hanno parlato davvero tutti della partita di domenica al Bentegodi. Sono passati ben tre giorni dall’accaduto sempre più strumentalizzato ed intanto del pallone calciato da Balotelli non si hanno ancora tracce. Ci pensano allora saggi e buontemponi a tenere vivo l’argomento, come l’ex giornalista sportivo Sergio Vessicchio (nella foto, ndr) intervistato da “Striscia” in provincia di Salerno. Colui che ebbe il coraggio di dire, non più tardi dello scorso marzo durante una telecronaca, “Prego la regia di seguire l’assistente donna. È una cosa inguardabile! È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro…” questa sera ha voluto persino strafare davanti alle telecamere di canale 5, dichiarando che “Verona è l’emblema del razzismo”. L’ennesimo, vergognoso e gratuito attacco all’intera città scaligera ed alla tifoseria gialloblù.