“Non possiamo assolutamente sbagliare. Dobbiamo dimenticare Cagliari per ripartire e ricordarlo per non ripetere l’errore nell’approccio. La squadra l’ho vista bene, rabbiosa, domani sarà una battaglia perché giocheremo contro una squadra molto solida ed organizzata anche a livello difensivo, una delle rivelazioni del campionato. Ribery-dipendenti? Col Sassuolo non lo è stato, col parma lo stesso. E’ vero, è stata un’assenza importante, ma lo sarebbe stata per qualsiasi squadra. Lo stop ha giovato anche a lui. La sua assenza non deve essere un alibi.
Come va interpretata la gara contro l’Hellas? Il Verona è una squadra aggressiva, si sa difendere, ma non fa solo questo. Ha pressato l’Inter al limite dell’area, non va perso l’equilibrio mentale all’interno della gara – ha dichiarato l’allenatore della Fiorentina, Vincenzo Montella, alla vigilia della sfida contro l’Hellas Verona – Le assenze di Castrovilli e Pulgar? Ho diverse soluzioni, qualche dubbio ce l’ho, perché non tutti i calciatori sono abituati a fare 90′. Ad esempio Cristoforo ha giocato pochissimo, Zurkowski è un ragazzo valido e con qualità, così come Eysseric che non è stato cionvolto per ora nel progetto. Ci può anche essere qualche soluzione che abbiamo provato ultimamente come Ghezzal mezzala, vedremo domani. Cosa dico ai tifosi? "Sentiamo l’affetto continuo e la vicinanza dei tifosi. Li ringrazio anticipatamente. Vogliamo farci perdonare qualcosa. Tre attaccanti? Sì, la squadra può reggere. Alcune partite è successo anche se per poco, è una soluzione che si può fare. La riapertura del settore dello stadio di Verona? Sono contento perché mi piace giocare con lo stadio pieno. Sul razzismo vedo un interesse e una presa di posizione molto più forte rispetto a prima".