Buona la prima. Allo stadio Bentegodi, per il secondo turno eliminatorio di Coppa Italia, avversario il Catanzaro, formazione inserita nel girone C della Serie C. Per il primo impegno ufficiale della stagione 2021/22, l’Hellas Verona di Di Francesco si presenta col 3-4-2-1 con Pandur, Dawidowicz, Gunter, Ceccherini; Cancellieri, Veloso, Tameze, Lazovic; Barak, Zaccagni; Kalinic.

Dopo più di 500 giorni, spalti in parte gremiti (1784 spettatori, ndr) ed è questa la notizia più bella della serata (ultima partita 8 febbraio 2020, Hellas Verona-Juventus 2-1).

I gialloblù provano subito a dettare legge al 6’, con la verticalizzazione di Veloso per Zaccagni, diagonale però a lato alla sinistra di Branduani. Quattro minuti più tardi, conclusione smorzata di Tameze bloccata senza problemi dal portiere ospite. Al 16’ ammonito Gunter, Catanzaro che ci prova con Vazquez ma la sua conclusione si perde sul fondo. Passano 4’ e Gunter, dopo essersi sganciato, serve Barak ma il serbo non trova di sinistro il pallone. Ci prova Lazovic al 22’ ma l’impatto col pallone non è dei migliori, diagonale debole ed impreciso. L’Hellas Verona alza il ritmo ed al 24’ passa: Veloso pennella per Gunter che di testa schiaccia il pallone e supera Branduani. Squadra di Di Francesco che raddoppia al 33’ grazie all’autorete di Fazio, su cross da destra di Cancellieri. Al 40’ il sinistro di Barak scoccato dal limite dell’area viene bloccato a terra da Branduani. Ma c’è il tempo anche per il tris gialloblù, con la punizione pennellata da Lazovic sotto il sette alla destra del portiere del Catanzaro.

Dopo 51’’ Cancellieri, su invito di Kalinic, sbaglia a tu per tu con Branduani calciando addosso al portiere, Catanzaro che al 5’ sbaglia da due passi con Verna, calciando su invito da destra alto sopra la traversa, calabresi che ci provano anche con Carlini ma il suo sinistro in diagonale è troppo debole per impensierire Pandur. Due minuti dopo, Veloso per Barak che guadagna il fondo sulla destra, mette in mezzo ma in area non c’è nessuno in maglia gialloblù pronto all’appuntamento. Ospiti che hanno però un’altra ghiotta occasione, subito dopo, con Porcino che non trova però la porta complice l’uscita del portiere scaligero. Al 14’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Dawidowicz trova il pallone ma non la porta, Catanzaro che replica subito dopo con Vandeputte, ma Pandur si distende bene sulla sua destra e chiude lo specchio della porta. Azione personale di Cancellieri al 21’ ma il suo sinistro termina alto, con Barak che poco dopo guadagna il fondo a destra ma sul suo traversone non ci arriva nessuno. Triplo cambio per i gialloblù al 23’ con Casale, Magnani e Hongla per Gunter, Barak e Tameze. Al 32’, quarto e quinto cambio per Di Francesco, con Di Carmine e Ilic per Kalinic e Cancellieri. Al 38’ Branduani si distende bene sulla sua destra e chiude in calcio d’angolo la conclusione da fuori area di Zaccagni. Di Carmine, su invito del n.10 gialloblù, calcia forte ma centrale addosso al portiere del Catanzaro al 40’, mentre Hongla non trova la porta da fuori area al 44’, dopo un rimpallo, sfida che si chiude dopo 2’ di recupero.

Ai sedicesimi di finale della Coppa Italia 2021/22, l’Hellas Verona affronterà la vincente di Empoli-Vicenza, gara in programma domani alle ore 17.45