Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Semifinale Primavera TIM Cup, Lazio-Hellas Verona 3-2

Termina l’avventura in Coppa Italia dei gialloblù. Per decretare la prima finalista, non sono bastati 90’, biancocelesti che sono riusciti ad avere la meglio solo ai supplementari.

Nella semifinale giocata a Formello, i gialloblù di Corrent si presentano in casa della Lazio dopo dieci vittorie consecutive tra campionato e TIM Cup.

Al 4’ gli scaligeri rubano palla sulla trequarti con Amione e arrivano alla conclusione da fuori area con Turra, alta però sopra la traversa. Padroni di casa che si fanno invece vedere al 12’ con la conclusione di Moro, bloccata senza problemi da Aznar. Al 19’ il sinistro di Jocic viene murato dalla difesa biancoceleste ed un minuto dopo, buono il fraseggio sulla sinistra tra Yeboah e Amione, col diagonale dell’argentino che termina a lato di poco. L’Hellas Verona detta i tempi ed al 33’ passa: invito di Yeboah per Cancellieri che di sinistro pennella sul secondo palo dove non ci arriva Pereira. Arriva anche il raddoppio al 40’ con Pierobon, grazie all’ottima giocata di Astrologo. Ma la Lazio torna subito in partita, al 42’, con la sfortunata autorete di Calabrese, capitano gialloblù che devia nella sua porta il cross arrivato da destra. Nuovo giro di lancette e Bertini cerca ma non trova il pareggio, conclusione alta sopra la traversa. Al 45’ bello scambio tra Yeboah e Jocic ad aprire le maglie biancocelesti, traversone dell’attaccante che non trova però il n.10 gialloblù.

La ripresa si apre con la Lazio che al 51’ chiede un calcio di rigore ma non ci sono gli estremi per il direttore di gara. Al 58’ Armini calcia alto sopra la traversa da posizione defilata, Hellas Verona che risponde con Jocic al 62’ ma il destro è troppo largo. Un minuto dopo, Cancellieri si libera del diretto avversario e si presenta a tu per tu con Pereira ma il portiere della Lazio si supera e chiude in calcio d’angolo. Calabrese al 65’ chiude su Castigliani ed il colpo di testa di Shehu non trova la porta difesa da Aznar. Primo cambio per i gialloblù al 68’, con Elvius per Jocic. Al 70’ Pertini da fuori area calcia sul fondo ma nell’azione seguente la Lazio trova il 2-2 grazie a Moro che approfitta dell’incertezza della retroguardia scaligera per trafiggere in uscita il portiere brasiliano gialloblù. Al 75’ Squarzoni rileva Astrologo ed all’82’ Bernardi prende il posto Pierobon, gialloblù che all’85’ col solito Cancellieri s’involano sulla sinistra, palla in mezzo, ma sul destro di Terracciano fa muro la Lazio. Sono 4’ di recupero e per Lazio e Hellas Verona non bastano i 90’. Si va quindi ai tempi supplementari.

Il primo tempo supplementare si apre con
Darrel al posto di Turra, con Amione che al 2’ calcia alto sopra la traversa su invito di Cancellieri. Ma è la Lazio a ribaltare la semifinale al 3’: Moro recupera palla a sinistra, si accentra ed in diagonale supera Aznar. L’Hellas Verona non ci sta ed al 9’ il colpo di testa di Amione, sugli sviluppi del calcio d’angolo battuto da Cancellieri, viene ribattuto dalla Lazio sulla linea di porta. All’11’ clamorosa l’occasione per i veronesi, con Terracciano che trova splendidamente Cancellieri, ottimo controllo e botta dell’ex Roma che si stampa sulla traversa. Primo overtime che si chiude col tiro centrale al 14’ di Moro.

Il secondo tempo supplementare vede i gialloblù sostituire Calabrese per Bertini, con Darrel che al 13’ serve Cancellieri che calcia però alto da comoda posizione. Ultima occasione al 15’ per i gialloblù con Terracciano che non trova però lo specchio della porta. In finale della Primavera TIM Cup accede quindi la Lazio che se la vedrà contro la vincente di Fiorentina-Genoa.

La squadra di Corrent ora dovrà ricaricare le batterie e concentrarsi per la sfida di campionato, in programma sabato all’Antistadio, contro il Brescia. Forza gialloblù!

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.