Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Roma, non avrai vita facile al Bentegodi

Vigilia di campionato per l'Hellas Verona di Andrea Mandorlini. Domani, ore 18, arriva la Roma di Garcia. Le dichiarazioni dell'allenatore scaligero.

“Come sarà questo esordio? Abbiamo di fronte una squadra forte, se guardiamo i numeri non c'è partita ma il calcio è lo sport più bello del mondo perché tutto è possibile e noi ce la giocheremo. Loro sono forti nel possesso palla e hanno attaccanti che aggrediscono la profondità, sono costruiti per lottare per lo scudetto. Il gap con la Juventus penso si sia ridotto rispetto allo scorso anno. Se loro giocano con Dzeko e Totti noi risponderemo con Toni e Pazzini, se giocano con il tridente potremo faremo così anche noi, come no. Valuterò all'ultimo. Gli renderemo la partita dura, questo è sicuro. Se potremmo rivedere lo stesso Verona visto contro la Juve? È stata una bellissima giornata ma ogni partita è a se e l'esordio riserva sempre una sorpresa in più. Il mio segreto con Luca Toni? Non credo di averne, sono cose che nascono da sè, è e sarà determinante per la squadra. Souprayen? Puó giocare lui come Albertazzi, vedremo come si presenteranno loro. Questo non sarà il campionato più bello ma è sicuramente il più difficile. Che consigli sto dando a Sala? Lo vedo tranquillo, sereno e non sento il diritto di dirgli niente, il suo atteggiamento è positivo. Viviani? Sta bene relativamente al periodo che ha passato, stiamo pensando di portarlo domani con noi. Abbiamo voglia di rivederlo tutti. Noi lo aspettiamo. Ionita non sarà dei nostri, Romulo invece sta bene. Greco davanti alla difesa? Sta facendo quello che gli chiedo, con calma e tranquillità fa il suo, ovvio che ha caratteristiche diverse da altri giocatori, l'alternativa puó essere Marquez ma è un ruolo che non svolge da troppo tempo. La percentuale sulla condizioni? Sta aumentando perché c'è tanta voglia di giocare. Abbiamo di fronte un avversario che ci farà tirare fuori il massimo dal punto di vista dell'attenzione e concentrazione. Totti giocatore fantastico anche se sulla carta non parte tra i titolari, ma loro hanno una grande completezza di giocatori in rosa. Un risultato positivo per noi contro una grande squadra sarebbe sempre ben accetto. Pubblico delle grandi occasioni al Bentegodi? È stimolante sotto tanti punti di vista, siamo già abituati ad avere parecchia pressione. Se mi aspetto qualcos'altro dal mercato? Pensiamo alla partite che abbiamo. Siamo in tanti, e la nostra priorità è il recupero completo dei nostri giocatori non ancora al 100% come Helander, Viviani, Ionita, Romulo, Fares”.

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta