Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Obbadi out, Jankovic invece c’è

Le dichiarazioni dell'allenatore dell'Hellas Verona, Andrea Mandorlini, prima della partenza anticipata per Genova dove domenica i gialloblù saranno impegnati a Marassi contro la squadra di Gasperini.

“Partiamo un giorno prima solo perché il viaggio è lungo e per stare insieme un giorno in più. Recuperato Obbadi? Non ancora, tanto che rimane a Verona. Mounir ha svolto solo ieri l'intera seduta con il gruppo e penso che dalla prossima settimana torni a completa disposizione. A Genova ci sarà invece Jankovic, pienamente ristabilito dopo l'infortunio alla caviglia. Il confronto con la società? Ci sta, dovevamo farlo da tempo. Ma è anche giusto ricordare che noi ci parliamo sempre, sia quando le cose vanno bene che quando vanno male. Il Genoa? È un'altra squadra rispetto alla partita d'andata, ma noi vogliamo guardare solo in  casa nostra. Loro sono cambiati molto ma hanno sempre mantenuto una buonissima classifica. La Primavera al Viareggio? Sono contento per loro, gli faccio i complimenti. Un risultato storico per la nostra società. Poi con un Gollini così che para tutto.... Speriamo che riescano ad andare ancora più avanti - l'augurio del mister - Ho sempre grande fiducia in questo gruppo e sono convinto che dipende solo da noi. I risultati poi sono sempre la medicina migliore. La lotta salvezza? Cinque/sei punti di distacco sono sempre punti. Noi dobbiamo però solo pensare a noi stessi, a dare il massimo e fare più punti possibile. Marquez? Oggi compie gli anni e gli faccio gli auguri. Se sarà della partita? Non lo so, l'ho visto solo ieri. Valuterò domani. Rafael? Ha un problema alla spalla, ieri si è allenato poco ma vediamo oggi. Se è vero che ho parlato con Toni di Cassano? Con Luca non ho mai parlato di Cassano. Antonio è un giocatore forte, ma io penso solo alla partita di domenica. Se mi piacerebbe allenare Cassano? Il valore del giocatore non si discute, ma queste domande dovete porle ad altri. La rifinitura a Bogliasco? Andiamo a Genova un giorno prima anche grazie alla disponibilità della Sampdoria che ci ha messo a disposizione il suo centro, una società amica per i colori gialloblù”.

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta