Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

La Giovane Italia con… Pierluigi Gollini

Il portiere classe 1995 dell'Hellas Verona FC, Pierluigi Gollini, è una delle promesse del calcio italiano e Sky Sport gli ha dedicato uno speciale nella rubrica -La Giovane Italia-. Le dichiarazioni del giovane estremo difensore.

- Per un giovane giocare in serie A è sicuramente la cosa più bella che ci possa essere, specialmente per un italiano. Ci sono tanti sacrifici da fare. L'esordio con il Genova è stata un'emozione fantastica, una delle serate più belle della mia vita, non ho mai provato una cosa del genere. In quel momento non ho pensato a niente, ero determinato e pensavo solo a far bene. L'esperienza al Manchester United è stata un'esperienza sicuramente unica, sono cresciuto sia come uomo che come giocatore. La rifarei, mi ha fatto imparare tantissime cose nuove come la lingua e una cultura diversa. Essere sempre a fianco di una persona come Giggs è una cosa unica perchè lui è una leggenda del calcio. Sono cresciuto con l'idolo di Buffon perchè era il più forte al mondo e penso che oggi lo sia ancora. Poi mi piacciono molto Handanovic e Courtois perchè sono due portieri con strapotere fisico, grande tecnica e qualità. Mi piace molto il basket e l'Nba. Quando vivevo a Ferrara sono anche andato a seguire la Carife. Il film che mi ha fatto più sognare degli altri è sicuramente Goal! di Danny Cannon. Ascolto molto il rap e l'hip hop sia italiano che americano. Started from the bottom di Drake è la mia canzone preferita. Mi piacerebbe diventare giocatore per quello che sono, nel senso che un giorno finita la mia carriera posso davvero dire: Si, sono veramente riuscito a fare ciò che volevo -.

La strada che hai intrapreso è quella giusta, forza Pier! 

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta