Le dichiarazioni del centrocampista dell’Hellas Verona, Federico Viviani. ”Contro l’Empoli abbiamo fatto una grande partita, abbiamo tirato tanto in porta ma senza fortuna purtroppo. Resta la prestazione, ma adesso dobbiamo iniziare a fare punti. Vogliamo uscire tutti uniti da questa situazione, la squadra è viva e sono convinto che girerà – ha dichiarato l’ex Roma – Giocando a quattro a centrocampo c’è maggiore dispendio di energie, si corre di più ma non è certo un problema. Delneri? Vuole trasferire all’Hellas le proprie idee di calcio e la sua mentalità. Ci stiamo allenando molto e bene. Possiamo dire che c’è stato un cambio di mentalità. Vogliamo a tutti i costi salvarci, anche se per i più oramai siamo la squadra materasso. Guai a mollare. Come mi aspettavo la Serie A? Sognavo di stare sempre bene fisicamente e di recitare un campionato alla grande in gialloblù – spiega Viviani – Dobbiamo solo guardare avanti e pensare positivo. Arriveranno anche i gol di Toni, ne sono sicuro. Luca per noi è fondamentale. Mai vinto a Milano? C’è sempre la prima volta. Non sarà facile ma se ci presentiamo con la stessa mentalità vista in campo contro l’Empoli, possiamo metterli in seria difficoltà. Non abbiamo nulla da perdere. L’addio di Toni? Luca è un grandissimo giocatore, un esempio, è capace di fare sempre la differenza ma prima di appendere le scarpe al chiodo vuole prima salvare il Verona che è la cosa più importante. Clausola a favore della Roma nel contratto? Non mi risulta, sono al 100% un giocatore dell’Hellas Verona”.