”Purtroppo è da luglio che mi porto dietro la pubalgia ed ora finalmente sto bene e posso dare il massimo per il bene dell’Hellas. Mi sto gestendo e ora sono a completa disposizione di allenatore e squadra. La pubalgia non si cura e non passa da un momento all’altro, non so per quanto me la porterò dietro ancora, devo conviverci e non vedo l’ora che passi definitamente. Mi ha fatto comunque crescere tanto questo infortunio, anche nei momenti negativi bisogna sempre cercare di tirare fuori il lato positivo come in questo caso”.