Qualche mese fa abbiamo evidenziato, alla luce dei dati di bilancio, come l’Hellas Verona Marketing & Communication (HVMC) non portasse gli attesi benefici economici (e finanziari) all’Hellas Verona. Tuttavia, nello scorso mese di settembre l’Hellas Verona ha acquisito le rimanenti quote di capitale sociale pari all’11,11% della controllata HVMC possedute dalla controllante H23 Spa per l’importo di € 1,2 milioni, detenendo ora il 100% del capitale sociale di quest’ultima. Da qualche giorno è disponibile il bilancio di HVMC al 30 giugno 2018, approvato in data 26 ottobre 2018 dall’Assemblea dei Soci, che mostra una perdita d’esercizio di Euro 389 mila (a fronte di un utile di 16 mila Euro nell’esercizio precedente). Ma come mai questo HVMC proprio non riesce a decollare?Alcuni numeri: i ricavi segnano un incremento di quasi il 23%, grazie soprattutto all’aumento delle sponsorizzazioni diverse (Euro 2,7 milioni al 30 giugno 2018, Euro 1,8 milioni al 30 giugno 2017). I corrispettivi dell’HV Store segnano un lieve aumento del 5%, attestandosi a 956 mila euro. Vi proponiamo un semplice esercizio: il confronto dei corrispettivi dell’HV Store e di altri ricavi per vendita materiale sportivo con gli acquisti dell’esercizio, tenuto conto delle variazioni delle rimanenze di magazzino. Nel 2017-2018 l’HVMC, a fronte di ricavi per 1.227 mila euro ha sostenuto un costo del venduto per 1.397 mila euro. Risultato, quindi, negativo per 170 mila euro che aumenta tenendo conto che vanno aggiunti i costi di gestione degli Stores (affitti, costo personale, ecc.). Ma continuiamo nell’analisi del bilancio 2018 e soffermiamoci sui costi/ricavi riferibili a operazioni tra HVMC e l’Hellas Verona. L’HVMC realizza ricavi nei confronti dell’Hellas Verona per 1.429 mila euro (27% del totale). Tali ricavi nel 2016-2017 ammontavano a 1.462 mila euro (34.5% del totale ricavi). L’Hellas Verona presta dei servizi a favore di HVMC per 436 mila euro (stesso importo della precedente stagione). Di fatto, per l’Hellas Verona un saldo netto negativo di circa un milione di euro. Questo costa il marketing al Verona? Magari… noi crediamo molto di più in quanto quelle sponsorizzazioni diverse per € 2,7 milioni nella normalità dovrebbero essere ricavi da iscriversi nel bilancio dell’Hellas Verona Spa e sostenere direttamente, seppure al netto dei costi di produzione dovuti a qualche provvigione o altro, il club, invece, ancora una volta, così non è stato. Altre osservazioni da una rapida lettura del bilancio di HVMC: • I costi per servizi aumentano di circa 381 mila euro ma dal bilancio non è possibile capire a cosa è dovuto l’aumento in quanto la tabella riportata in nota integrativa è incompleta. • Tra gli oneri diversi di gestione si informa che influiscono “prevalentemente le perdite subite in relazione alla cessione della partecipazione in Fly Slot S.r.l.” per 127 mila euro (come da noi già evidenziato nell’articolo dello scorso 20 novembre 2018). • L’HVMC ha nel corso dell’anno pagato 500mila euro all’Hellas Verona come pagamento parziale relativo alla cessione del marchio avvenuto nel 2013. Il debito residuo verso l’HV ammonta al 30 giugno 2018 a 11,2 milioni euro, per il quale è previsto “una rinegoziazione dei termini di pagamento originariamente convenuti …causa l’altalenante esito del risultato sportivo dell’Hellas Verona che condiziona la possibilità … di disporre per effetto di ricavi per sponsorizzazioni, vendite ecc.” come dire, se l’HVMC non prende il volo è colpa dei risultati sportivi e non del mancato sviluppo del brand. Inoltre, vi sono ulteriori debiti finanziari verso il Verona per 896 mila euro. Tutto ciò conferma, qualora ce ne fosse ulteriore necessità, che il Verona sta sostenendo economicamente e finanziariamente questa società di marketing e non il contrario come avrebbe dovuto essere. Quindi, se la quasi totalità dei flussi finanziari e lo sviluppo commerciale della HVMC dipendono dall’Hellas Verona o dal suo andamento, ha motivo di esistere questa società? È stato equo e vantaggioso aver acquisito l’11,11% di questa società per il corrispettivo di € 1,2 milioni? Cui prodest? Infine, ulteriori due notizie. L’HVMC indica di avere un credito verso Seven 23 S.r.l. per l’anticipazione finanziaria erogata nel 2016-2017. Tale anticipazione dovrebbe essere stata “spostata” secondo il progetto di scissione di Seven 23 in Star Ball S.r.l. (la nuova controllante della galassia Hellas Verona). Il Bilancio di HVMC riporta i dati al 30 giugno 2018 del bilancio di Hellas Verona S.p.A. al 30 giugno 2018. L’anno di A si è chiuso con una perdita di 705 mila euro, a fronte di un valore della produzione di circa 47 milioni di euro. Il bilancio di HV è in fase di deposito dal 23 novembre e confidiamo nel giro di breve di poterlo visionare tramite il Registro Imprese. Fonte: Verona col Cuore