Secondo un particolare studio realizzato da irpi.eu in riferimento alla stagione 2014/15, dove vengono analizzati gli introiti generati dai diritti televisivi e dai movimenti di mercato, rapportati al valore della rosa e ai punti conquistati, la società gialloblù vince questa speciale classifica. Eleborata dai giornalisti del "centro italiano di giornalismo di inchiesta IRPI", essa assegna un valore da 0 (scarsa performance) a 1 (performance perfetta) a ciascuna squadra. Nella stagione appena conclusa è la squadra gialloblù a dominare, con un coefficiente di performance di 1, seguito dal Torino a 0,98 e la più distaccata Juventus a 0,77. Che cosa significa? Vuol dire che il Verona, con una rosa del valore di appena 38 milioni di euro (dato transfermarkt.it) e con entrate per diritti TV piuttosto basse, ha superato se stessa. 43 punti e un 13mo posto conquistato in Serie A rispetto alle spese sostenute sono motivo d’orgoglio per una società che al suo terzo anno punta a riconfermarsi e a diventare una delle principali realtà del calcio italiano.