Le dichiarazioni del commissario tecnico della Nazionale italiana, Giampiero Ventura, rilasciate in esclusiva ad Hellas Verona Channel in occasione della visita all’Hellas Verona. Il Commissario tecnico è arrivato allo Sporting Center ‘Il Paradiso’ intorno alle ore 9, accompagnato dal team manager della Nazionale, Gabriele Oriali, e da quello gialloblù, Sandro Mazzola. Un giro fra le strutture che ogni giorno ospitano l’Hellas Verona, l’incontro con la squadra e lo staff tecnico prima di vedere parte della seduta di allenamento e fare ritorno a Roma. LA NAZIONALE «Il futuro delle società come l’Hellas è di puntare sui giovani, loro sono sinonimo di entusiasmo e voglia di arrivare. Devono essere messi in condizione di dimostrare chi sono e cosa vogliono diventare. Le porte della Nazionale sono aperte a tutti, lo scorso anno attraverso gli stage abbiamo dato la possibilità a 11 calciatori di esordire. Se il campo dice che è possibile ambire alla Nazionale, allora mi auguro che i giovani lo dimostrino in maniera sempre maggiore. Il rapporto con i Club è molto importante, ho incontrato il Presidente Setti alla presentazione dei calendari e si è dimostrato molto disponibile. Adesso dobbiamo accelerare, nell’immediato abbiamo gli impegni con Spagna e Israele, partite che se centrate possono darci immediatamente i Mondiali». VERONA, IN BOCCA AL LUPO! «Un in bocca al lupo all’Hellas, tornato da poco in Serie A, sarà una stagione importante per giocatori e Società. Ho trovato un Verona con entusaismo, tornato nella Serie che gli compete, mi auguro sia l’inizio di un percorso importante per Società e tifoseria: ora la Serie A, poi speriamo possa ritagliarsi spazi migliori». CERCI? HO VISTO IN LUI TANTA VOGLIA «Su Cerci che ho avuto a Torino? E’ reduce da due annate difficili dal punto di vista fisico, Verona rappresenta per lui una grande occasione, perché è arrivato in una piazza importante. Per i gialloblù recuperare Alessio può essere una grande opportunità, se sta bene è un calciatore che fa la differenza. Ci vorrà del tempo, ma ho percepito in lui la voglia di ritagliarsi uno spazio da protagonista, è quello che gli auguro». Fonte: hellasverona.it