“Oggi è stato un ottimo segnale dopo la partita contro la Sampdoria dove non siamo stati noi. Mercoledì c’è mancata la fame. Contro la Fiorentina invece abbiamo fatto una partita di grande valore, contro una grande squadra, pur avendo tante defezioni. Tutti abbiamo dato il massimo per il bene della squadra. Il merito è del mister che ci dà le giuste indicazioni, poi spetta a noi vecchi trasmettere la nostra mentalità. Che effetto mi ha fatto affrontare Amrabat da avversario? È sempre bello competere contro i migliori, l’anno scorso Sofyan ha fatto molto bene con noi, ma oggi era un avversario. La sfida contro l’Inter? In ogni gara dobbiamo entrare con la nostra mentalità e con fame, questo non ci deve mai mancare. E così sarà anche mercoledì sera al Bentegodi. Venti punti dopo 13 partite? Per come ci alleniamo e prepariamo, ho sempre creduto in questo gruppo e nei miei compagni. Tutto è possibile nella vita se c’è unità d’intenti. Il mio ruolo dentro lo spogliatoio? Mi piace parlare coi giovani e trasmettere la mia esperienza, abbiamo un gruppo davvero bello, composto da bravi ragazzi, che ascoltano e che vogliono sempre migliorarsi” ha dichiarato a HV Channel, il centrocampista Miguel Veloso.