“Non vedevo l’ora di ricominciare e di rivedere i miei compagni. Si è creata davvero una bella famiglia. L’importante è che tutti stanno tutti e da oggi abbiamo potuto riprendere gli allenamenti collettivi e questo ci permette di prepararci al meglio. Personalmente è da tanto che non gioco, dobbiamo riprenderci il prima possibile, anche dal punto di vista mentale, per finire bene questa stagione. La cosa più difficile è mantenere quanto fatto, sicuramente qualcosa di bello per questo club. Tutti i giorni abbiamo seguito il programma del prof, ma un conto è allenarci in campo ed un altro in casa. Meno male che è finito questo brutto periodo e finalmente possiamo riprendere questo lavoro, cercando di regalare qualche gioia ai nostri tifosi. Ci serve però un po’ di tempo per riprendere la confidenza col pallone. Ho ritrovato i miei compagni ancora più motivati. Spero e voglio tutti abbiano ancora la stessa mentalità che è stata la nostra forza. Penso, voglio e spero che vi siano ancora più motivazioni per dare ancora più valore a quello che abbiamo fatto. Il rischio infortuni? Preoccupa perché ci sono più probabilità visto il lungo periodo di inattività, c’è quindi bisogno di un po’ di tempo per rimetterci in forma. Ma l’augurio è che nessuno, sia dei miei compagni che degli avversari, subisca infortuni. Io soffro un po’ il caldo però dobbiamo mettercela comunque tutta perché questa è la situazione. L’Europa? Da come siamo partiti, il primo obiettivo deve essere assicurare la salvezza. Poi raggiunta si può sognare. È giusto crederci. Dobbiamo e vogliamo competere con i migliori. I tifosi? Dispiace questa situazione che ha colpito tutti. La salute è la cosa più importante che abbiamo. Dobbiamo però adattarci e fare del nostro meglio per chi è a casa, cercando di regalare loro una gioia” le dichiarazioni “A tu per tu" del centrocampista dell’Hellas Verona, Miguel Veloso.