È il campionato dell’Hellas Verona che si concluderà finalmente tra quattro giornate con la chiusura più giusta visto quanto “offerto” in campo: la retrocessione. Senza appello. Mai fortemente cercata. Non solo nel rettangolo verde di gioco ma anche in sede di mercato. La società di Maurizio Setti deve ripartire da zero se si vuole davvero ricostruire un Hellas Verona degno del suo blasone. Fatti e non parole. Servirà in primis chiarezza e persone che hanno a cuore solo ed esclusivamente le sorti gialloblù. Bisogna ripartire al più presto, puntando sui giovani come Danzi, cercando di eliminare quella erbaccia che ha infestato lo spogliatoio. Il presidente deve subito scegliere il nuovo direttore sportivo ed allenatore. Tra meno di tre mesi la nuova squadra avrà già concluso il ritiro a San Martino di Castrozza e di quella attuale, da salvare c’è davvero poco.