Due gol di pregevolissima fattura. Due pennellate d’autore, contro Bologna e Juventus. Una punizione da PlayStation alla prima giornata ed una botta da fuori area, dritta sotto il sette, che non ha dato scampo al portiere considerato più forte del mondo sino a pochi anni fa. Lui è Miguel Veloso. Portoghese classe 1986. Regista gialloblù che insieme ad Amrabat forma un’ottima coppia in mezzo al campo. Anche su di lui (mai come per Juric, ndr) c’era scetticismo al suo arrivo in gialloblù, ma l’ex Genoa a suon di prestazioni e giocate di classe, ha conquistato tutti. I gradi di capitano hanno poi elevato la sua autostima, un giocatore arrivato a Verona col chiaro obiettivo di fare la differenza, e sino ad ora ci sta riuscendo alla grande. A proposito, chissà quanti titoli e per quanti giorni si parlerebbe del suo gran gol all’Allianz Stadium se l’autore fosse stato invece il suo connazionale CR7…