Le parole del capitano dell’Hellas Verona 1984/85, Roberto Tricella: “È bellissimo festeggiare ancora dopo 30 anni. Per noi è stato un onore vincere lo scudetto con questa maglia. Nel calcio non bisogna mai smettere di sperare, bisogna sempre crederci. Chi era il meno forte di quella squadra? Ognuno con le sue caratteristiche ha contribuito alla vittoria dello scudetto. Lo scherzo più pesante? Forse quando Bruni ha inchiodato le scarpe ad Elkjaer. L’Hellas di Mandorlini? E’ una buona squadra, si sono salvati tranquillamente e penso che sia quello che vuole la città. Un consiglio al Presidente? Di scegliere tra i giocatori italiani. Sembra quasi che la grande scuola di difensori sia stata persa in italia, spesso si vanno a scegliere gli stranieri anche se sono meno forti dei nostri ragazzi. Toni? A 38 anni sta ancora dando l’esempio di cosa vuol dire essere un campione”.

fonte: Telenuovo