“Il calcio era la mia unica speranza. La scuola purtroppo non mi piaceva e passavo il tempo giocando col Super Santos per le viuzze dei Quartieri Spagnoli. Questo sport mi ha salvato – ha dichiarato a gianlucadimarzio.com, l’ex attaccante dell’Hellas Verona, Gennaro Troianiello, oggi al Nola in Serie D – Com’è nato il coro quant’è bello Gennaro Troianiello? Il primo anno con la maglia del Frosinone. Era il 2007 e in panchina c’era Cavasin. Da lì è partito il mito. Verona? Era tutto scritto. Sono arrivato da piccolo, poi ci sono tornato giusto in tempo per la grande promozione del 2016/17. In carriera poi ho avuto l’onore di giocare con tanti calciatori bravi, fra gli altri Eder, Calaió, Immobile, Pavoletti, Berardi, Belotti e Pazzini”.