Un campione sul campo e fuori. Per il modo in cui affronta ogni sfida e per il contributo che ha dato al mondo del calcio. Questi i valori per cui Luca Toni (capocannoniere Serie A 2014/15 con 22 reti) è stato premiato alla 15a edizione del ‘Premio Brera – Sportivo dell’anno 2015’, in una manifestazione che ha visto salire sul palco anche altri personaggi del mondo sportivo come Gianluigi Buffon, Anna Mei (ciclismo), il giornalista Bruno Longhi insieme a Giovanni Trapattoni e Federico Morlacchi (nuoto paralimpico).

Le dichiarazioni dell’attaccante gialloblù, rilasciate durante l’evento organizzato dal circolo culturale ‘I Navigli’.

“Le mie condizioni? In settimana sarò a pieno regime con la squadra, credo di poter essere già a disposizione per domenica contro il Torino ma deciderà il mister se impegarmi o meno. Il momento della squadra? Purtroppo non riusciamo a vincere, e questa è la cosa più brutta. Le prestazioni ci sono, mancano ancora tante partite e ora dobbiamo provare a vincere il più possibile, già a partire da domenica. Servono solo i 3 punti. Pazzini? Sono contento abbia fatto gol su azione, questo farà bene a lui e a tutta la squadra. Il mio futuro? Ora ho altri pensieri. Farò il possibile per aiutare il Verona, per finire alla grande. Poi deciderò con calma. Favorite per il campionato? La Juventus sta facendo una bella risalita, il Napoli va forte e le altre dietro non mollano. Dopo tanti anni la Serie A è tornata ad essere un campionato molto bello. Dybala è giovane e in prospettiva può diventare un campione, mentre di Higuain parla di lui il suo passato”.

Fonte: hellasverona.it