“In questa stagione ho fatto da spettatore, ora dovrò parlare con il presidente Setti per capire cosa fare da grande. Già fai fatica da giocatore quando magari hai 4-5 anni di contratto. Figuriamoci da dirigente, quando scadi di anno in anno. Fortunatamente non devo lavorare per forza, ma posso scegliere di fare quello che più mi piace. Il calcio è la mia passione. Cassano? Mi ha chiamato per altre cose, nei giorni scorsi…”. Così Luca Toni a La Gazzetta dello Sport.