Presentazione a Racines all’hotel Schneeberg per il nuovo centrocampista dell’Hellas Verona, Federico Viviani.

“La società ha investito molti soldi su di me e non vedo l’ora di ripagarli sul campo. La fiducia che l’Hellas Verona ha riposto in me mi riempie d’orgoglio e farò di tutto per il bene della squadra. Il mio infortunio? Lo avevo già in Under 21, è un problema addominale e quotidianamente lavoro per tornare quanto prima in campo, ma di comune accordo con lo staff medico scaligero non vogliamo affrettare troppo i tempi, specie in una fase così importante della stagione. Ho tanta voglia di fare e di mettermi a disposizione di allenatore e compagni. Il mio ruolo? Mi piace giocare davanti alla difesa, impostare il gioco e non disdegno affatto andare al tiro e battere le punizioni. La notte del mio trasferimento al Verona? È stata una nottata agitata, ho deciso di accettare l’offerta dell’Hellas per il progetto e per l’attenzione che hanno dimostrato nei miei confronti. Il Palermo? Ne ho sentite di tutti i colori, ma la mia non è stata una scelta dettata dai soldi ma dal programma e dall’ambizione del club gialloblù. Cosa vuole dire giocare con Toni e Pazzini? È come Totti per la Roma. È fantastico giocare con due campioni del loro calibro. I tifosi dell’Hellas? Che carica che hanno! È stata bellissima la presentazione e per me avere un seguito così importante non può che essere uno stimolo in più per dare sempre, tutti i giorni, il massimo”.