“Da quando se ne è andato Juric, continuo a dire ai miei amici che Di Francesco è l’uomo giusto. Ho avuto due punti di riferimento, al Verona era Stefano Fattori, alla Roma Di Francesco. Sono di parte ma vi dico che Difra, se il Cagliari lo libererà e l’Hellas fosse convinto, è il miglior tecnico su piazza. Come il primo Juric. Di Francesco è un tipo diretto. La società gli chiede la salvezza e la valorizzazione dei giovani? Lui lo sa fare. Qual è l’allenatore con esperienza in serie A che non è stato esonerato? Guardate cosa ha fatto partendo dal basso fino al miracolo Sassuolo. A Roma dopo il traguardo della semifinale di Champions, cominciarono a vendere Manolas e Allison, tanto per gradire. Non sembra a vederlo in panchina ma è un temperamentale, a volte fin troppo diretto all’interno dello spogliatoio. Un uomo di valore e di valori. La speranza è che si liberi dal Cagliari. Eusebio è il profilo giusto per Verona. Lui poi, ha voglia di rivincita. Difra ha significato molto e significa ancora tantissimo per me. L’ultimo mio gol in giallorosso lo dedicai a lui, all’epoca team manager della Roma. È un leader silenzioso con grinta da vendere. Non sarà un problema il modulo. Adora lavorare con i giovani e sa come prendere i calciatori più esperti. Non credo che Giulini fosse impazzito nel prolungargli il contratto nonostante la delicata posizione di classifica. Poi quando il Cagliari ha preso Semplici, non so realmente cosa sia accaduto” ha dichiarato a L’Arena, Damiano Tommasi.