“Amrabat è un ottimo calciatore ma in generale nella passata stagione tutta la squadra aveva fatto un grande campionato. A me ha aiutato molto l’avere già lavorato con Gasperini e quindi sapevo che la filosofia di Juric era simile. Sono contento che si parli bene della squadra e di quello che sto e stiamo facendo. Cosa mi ha dato Juric? Una visione del calcio diversa, rispetto a quella a cui ero abituato. Noi cerchiamo sempre di arrivare al gol attraverso il gioco ma sappiamo bene qual è l’obiettivo nostro e quello del club. Cosa ci ha detto il mister dopo i ko di Roma e Udine? Era tranquillo. Nel calcio ci sta di perdere qualche partita. Abbiamo lavorato molto di più, per farci trovare pronti col Parma e non abbiamo fallito. Adesso dobbiamo continuare ma con la mentalità che ci ha dato il mister sono convinto che arriveranno altre giornate importanti. Meglio la Champions o il gol alla Lazio? Bella domanda (ride ndr). In Europa è tutto bello e spero un giorno di tornare a giocarci. Il gol all’Olimpico è stata una gioia immensa. A me piace sganciarmi e giocare in avanti. Figuratevi quando il mister mi ha detto che avrei fatto l’attaccante. E poi l’Hellas non vinceva da più di trent’anni su quel campo e quindi è stata una grande soddisfazione per tutti. Le difficoltà della sfida di sabato in casa del Genoa? Tante perchè loro sono in un grande momento. Il Genoa non perde da dieci partite ed è un cammino molto importante. Però anche noi stiamo molto bene. Battere il Parma era fondamentale e ci siamo riusciti. Questa vittoria vale tantissimo” ha dichiarato a L’Arena, il centrocampista dell’Hellas Verona, Adrien Tameze.