“Conosciamo la nostra forza e fino a dove ci possiamo spingere. È chiaro che se quest’anno non dovesse andare bene, sarà solo colpa nostra – ha dichiarato Luca Siligardi – L’allenamento di ieri all’antistadio? È stato bellissimo ed è giusto stare a contatto col nostro pubblico. La serie di risultati positivi? Vincere è sempre bello, come segnare, specie poi se le vittorie vengono accompagnate anche da buone prestazioni di squadra. Sappiamo che il campionato è ancora lungo e la strada da fare è tanta, ma quella intrapresa è quella giusta. Pazzini? È un grande giocatore e non mi stupisco di quello che sta facendo. È davvero bello giocare al suo fianco, Giampaolo è molto importante per noi, ci dà tanta carica e sicurezza – ha raccontato Siligardi – Bessa? L’avevo già visto a Como e non mi stupisco di quello che sta facendo a Verona. È giovane ma è già navigato e ha esperienza. Se credo in me stesso? Al 100%. Il mio obiettivo personale? Andare in doppia cifra, per forza. Spero di ripetermi come domenica al Bentegodi contro il Trapani anche sabato a La Spezia, dove ci attende una bolgia. È difficile giocare in casa loro e noi dovremo cercare di imporre il nostro gioco. Il rapporto con Pecchia? Rivedo in lui Nicola. Il mister mi dà la costanza di giocare, è importante avere un allenatore di questo tipo, la sua fiducia per me è fondamentale. Troianiello papà? È un bravissimo ragazzo e siamo tutti felici per lui. La mia permanenza in gialloblù? Sono contento di essere rimasto all’Hellas Verona, anche perché voglio riscattarmi dalla passata stagione”.