“Rimpianti nell’ultimo calciomercato? Per fortuna no. Mi ricordo le parole che mi ha detto Juric, è rimasto soddisfatto. Merito anche del ds D’Amico che dopo aver costruito la squadra che ho ottenuto la promozione è stato in grado recepire tutto il buono che il mercato poteva offrire. L’unico rimpianto è non essere riusciti a far capire a chi è rimasto fuori lista che le offerte ricevute andavano accettate – ha dichiarato Maurizio Setti a La Gazzetta dello Sport – Che Serie A ho ritrovato? Penso sia la stagione più difficile sul campo. In Lega non vedo cambiamenti. Io dico a malincuore. Ritrovo individualismo. Che modiche farei? Contratti declinati in caso di A, B e C per tutti i giocatori, anche nei top club. E poi tornerei a una Lega di A e B unite. Favorevole al Var? Sì. Al salary cap? Sì. Alle squadre B? Indifferente".