“Questo è stato l’anno più difficile. La squadra ha fatto un inizio strepitoso, nella seconda parte invece è stata più lineare al campionato cadetto. Quello che conta è aver raggiunto la Serie A. Faccio calcio per passione, non prendo una lira anzi ne ho rimessi ma fa parte del gioco. Fair-Play finanziario? I tempi dei vari Agnelli e Moratti è finito. Per fare calcio al giorno d’oggi è essenziale, non ci sono dubbi. Prima del mio arrivo c’era un’immagine dei tifosi che adesso è cambiata – ha dichiarato Maurizio Setti a Radio Verona – I colori gialloblù? Me li sono tatuati. L’anno prossimo il nostro obiettivo è la salvezza e ottenerla come ha fatto il Crotone sarebbe un risultato strepitoso".