“Adesso possiamo costruire per l’Hellas un futuro importante, per farlo dobbiamo seguire un modello di business efficace per dare al club la possibilità di autoalimentarsi. Anche agli ultimi auguri di Natale con gli sponsor, alla riunione che abbiamo fatto in Confindustria ho ripetuto che la porta è aperta, tutti quelli che vogliono entrare per dare una mano sono ben accetti, soprattutto gli imprenditori veronesi. Intanto il nostro programma va avanti – ha dichiarato il presidente dell’Hellas Verona, Maurizio Setti, a L’Arena – Vanno considerati due aspetti: quello sportivo e quello finanziario. Quando sono arrivato, la squadra era in B, abbiamo vinto un campionato, fatto tre anni in A, siamo retrocessi e siamo stati promossi. Ho avuto i tre capocannonieri di serie A e B della storia del Verona. Adesso faremo di tutto per centrare questa salvezza. Però siamo molto attenti anche agli altri aspetti. Investiamo ogni anno oltre due milioni di euro nel settore giovanile perché sappiamo che da lì possono arrivare nuove risorse, anche economiche – continua Setti – la Abbiamo ristrutturato l’antistadio e dobbiamo completare i lavori; abbiamo speso due milioni di euro per interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza dello stadio Bentegodi, senza contare il canone di affitto. Il progetto del centro sportivo esiste ed è stato presentato all’amministrazione precedente; ha subito un rallentamento prima delle elezioni, ma adesso abbiamo già ripreso i contatti con il sindaco Sboarina, cui abbiamo già illustrato l’intervento. Siamo a pronti a ripartire”.