Per chiudere la Serie A 2019/20 mancano da giocare ancora 12 giornate, più i quattro recuperi della 25ª giornata (Hellas Verona-Cagliari, ndr). Nel caso in cui non si riuscirà a terminare la stagione, la UEFA chiederà una classifica in base al “merito sportivo” per qualificare alle prossime coppe (quoziente punti/partite è il criterio considerato più sportivo, ndr).

Con il quoziente, in Champions sarebbero qualificate Juventus (63 punti/26 partite, 2,42 di quo- ziente), Lazio (62/26, 2,38), In- ter (54/25, 2,08) e Atalanta (48/25, 1.92). In Europa League, sicure Roma (45/26, 1,73) e Napoli (39/26, 1,50). Il problema è l’ultimo posto utile. In classifica, il meglio piazzato è il Milan, con 36 punti, poi Verona e Parma con 35 (ma una gara in meno). Il coefficiente però andrebbe a stravolgere l’ordine: Verona e Parma davanti (1,40), rossoneri dietro (1,38), con l’Hellas in vantaggio sul Parma per la differenza reti – si legge su La Gazzetta dello Sport – La settima in campionato si qualifica soltanto se non arriva la vincente della Coppa Italia, torneo che non è ancora stato cancellato. Siamo alle semifinali di ritorno: Napoli-Inter (1-0 all’andata), Juve-Milan (1-1 all’andata). Se si giocasse, e il Milan eliminasse i bianconeri, vincendo poi la finale, niente più dubbi: rossoneri in Europa League, nei gruppi, Napoli ai preliminari e Verona fuori dalle coppe. Altrimenti, lo scenario più probabile sarebbe: Roma e Napoli ai gruppi, Verona oppure Milan (a seconda del criterio) ai preliminari.