Torna l’incubo scommesse sul già disastrato calcio italiano. Almeno cinque incontri del campionato di Serie A della stagione 2013/14 sarebbero stati truccati a beneficio di gruppi di scommettitori organizzati. E a guadagnare da quelle partite combinate sarebbe stato – oltre ai membri di un’organizzazione che aveva impiantato un sistema di raccolta di scommesse illegali – anche Yorgen Fenech, l’uomo d’affari maltese sospettato di essere il mandante dell’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia.

Sono le nuove, inquietanti, rivelazioni contenute nelle carte del secondo filone dell’inchiesta “Treni del Gol” condotta dalla procura di Catania. Un procedimento giunto alla conclusione delle indagini preliminari e che si appresta a passare al varo del Gip (la richiesta di rinvio a giudizio è prevista per gennaio prossimo) – si legge su fanpage.it – L’indagine è una costola di quella che aveva già portato alla sbarra l’ex presidente del Catania Calcio, Antonino Pulvirenti (reo confesso), ritenuto il capo di un’associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva assieme a un potpourri di agenti, dirigenti e direttori sportivi, tutti accusati a vario titolo di aver comprato o aver scommesso su cinque partite del Catania nel campionato 2015. Dalle analisi delle chat dei telefonini sequestrati allora gli investigatori hanno scoperto che in realtà il malaffare è molto più ampio. Ora i nuovi indagati sono 11, tra i quali Giovanni Luca Impellizzeri, Antonio Ricci, lo stesso Pulvirenti, l’ex calciatore Christian Terlizzi.

Le partite di Serie A "truccate"
Nelle carte di questo nuovo filone compare una lunga lista di match “taroccati”, di tutte le categorie. Per quanto riguarda la massima divisione, sotto la lente degli investigatori sono finite: Sampdoria-Chievo del 27 aprile 2014 (finita 2-1, con gol della Samp al 93° minuto); Catania-Atalanta (2-1, partita per la quale l’Atalanta aveva attivato le procedure di autotutela); Parma-Livorno (2-0); Napoli-Hellas Verona (5-1); Udinese-Sampdoria (3-3). Tutti match giocati tra il 17 e il 18 maggio 2014.

Ci sono poi cinque incontri di Serie B che sarebbero stati “aggiustati” per far sorridere gli scommettitori: Avellino-Reggina (3-0); Crotone-Trapani (2-1); Brescia-Juve Stabia (4-1), giocate tra il 24 e il 25 maggio 2014; Catania-Perugia (2-0) e Cittadella-Trapani (1-0) del 31 gennaio 2015. Ma ancora non è finita, perché sarebbe stato concordato anche il risultato di Messina-Ischia (1-1) del 18 aprile 2015, in Lega Pro. Qui, secondo gli inquirenti, il ruolo principale sarebbe stato svolto dall’allora proprietario Pietro Lo Monaco, attuale amministratore delegato del Catania Calcio, nonché consigliere federale della Lega C, il quale avrebbe “offerto denaro o utilità” al difensore ischitano Fabrizio Millesi (anch’esso indagato). Partita questa – come tutte quelle della prima tranche dell’inchiesta “Treni del gol” – già segnalata per irregolarità da Federbet, associazione impegnata nella lotta al gamefixing. E poi ci sono gli incontri dove la combine è stata tentata, ma non riuscita, come Trapani-Catania (2-2) del 16 novembre 2014, partita per la quale l’allora presidente Pulvirenti offrì 40 mila euro al giocatore del Trapani, Terlizzi. L’accordo tuttavia saltò perché Terlizzi pretendeva l’intera somma prima dell’incontro, mentre Pulvirenti intendeva aspettare l‘esito del match.