Le parole del tecnico gialloblù alla vigilia dell’esordio in campionato al Bentegodi per l’Hellas Verona FC.

-Sono convinto che non sarà affatto facile domani, mi aspetto una partita difficile contro una squadra neopromossa che ha grande entusiasmo. Dobbiamo dare il massimo fino all’ultimo minuto se vogliamo vincere contro il Palermo. Settimana a porte chiuse? Abbiamo avuto tanti giocatori impegnati con le rispettive nazionali e poco tempo quindi per stare insieme. I segreti non esistono, specie al giorno d’oggi con tutti i video che ci sono, è stata solo una scelta per trovare maggiore tranquillità e serenità nel stare tra di noi. Formazione? Rafael è in dubbio, ha un problema che si porta avanti da qualche tempo. Lo valuteremo solo domani. Chi gioca? Luca Toni. I moduli contano sino ad un certo punto, quello che serve sono lo spirito e la mentalità giusta. Il Palermo? Ha tanti giovani interessanti che avranno voglia di mettersi in mostra, quindi dobbiamo cercare di subire il meno possibile le loro qualità. Saviola? Javier è un giocatore che ha fatto cose incredibili in carriera. È arrivato da due settimane, è pronto, vediamo domani. Ma non c’è solo Saviola, c’è anche Nico Lopez e tanti altri. Javier sta bene come gli altri 16 nuovi giocatori che abbiamo preso. Siamo convinti di aver fatto le scelte giuste, anch’io li vorrei vedere tutti in campo ma ci sarà tempo e spazio per tutti. L’importante è farsi sempre trovare pronti. Il ruolo di Saviola? Lui sa quello che deve fare. In attacco può ricoprire tutti i ruoli, è pronto e disponibile a qualsiasi situazione. Quello che conta però è la squadra, non il singolo giocatore. Prima di tutto viene l’equilibrio della squadra. Il terreno di gioco ed i lavori al Bentegodi? Siamo contenti e speriamo che resista. La società ha fatto davvero cose egregie non solo in sede di mercato. Avere un buon manto erboso è importante per chi gioca e per chi propone gioco. 20mila spettatori al Bentegodi? I tifosi sono la nostra carica e faremo di tutto per regalargli la vittoria. I risultati della seconda giornata? Onestamente ero in estasi per la vittoria di Valentino Rossi e ho speso tutte le energie in quella corsa. Battute a parte, in serie A anche oggi si è dimostrato che non c’è mai nulla di scontato-.