L’ex centrocampista gialloblù, Marco Donadel, nell’ultimo giorno di mercato ha rescisso il contratto con il Napoli ed ora è libero di accasarsi a parametro zero. Su Donadel è sempre vivo l’interesse non solo di Hellas Verona e Atalanta, come conferma Donadel a HELLAS LIVE.

– Non ho nessun appuntamento nei prossimi giorni con la società di via Belgio – conferma Donadel – A 31 anni non mi aspetto nè piaceri nè tantomeno regali da nessuno. È vero, con l’Hellas Verona ho parlato più volte, con il ds Sogliano ci siamo anche visti ma al momento non ho nessuna novità. Non ho fretta, la mia precedenza ora è la mia famiglia. Sono con loro a Firenze in questi giorni e devo anche decidere dove iscrivere le mie figlie a scuola. Molto dipenderà infatti anche dalla scelta professionale che prenderò nei prossimo giorni – spiega – Ho deciso di rescindere con il Napoli perché altrimenti avrei passato sei mesi ad allenarmi da solo. Più Verona o Atalanta nel mio futuro? Nessuna delle due al momento. So che anche altri club mi hanno cercato. Non posso negare che mi farebbe molto piacere tornare a Verona, una società ed una città che mi hanno accolto alla grande, anche la mia famiglia si è trovata molto bene ma le scelte, come sempre, si prendono in due. A Verona sanno quello che posso dare, l’anno scorso sono arrivato a scatola chiusa, anche la società non sapeva che contributo avrei potuto dare e tutto sommato possiamo ritenerci entrambi soddisfatti. Se l’Hellas Verona deciderà di chiamarmi, è perché sanno quello che posso dare. Che tipo di contratto voglio? Conta fino ad un certo punto. L’aspetto più importante invece è che credano ancora nella persona e nel giocatore Donadel – conferma – Il prossimo sarebbe il mio 14esimo campionato in serie A e sento che posso ancora recitare un ruolo importante. La fiducia e la stima reciproca con l’Hellas Verona non può che farmi piacere, componenti fondamentali specie in un rapporto lavorativo. Ringrazio tutti per le belle parole che hanno speso nei miei confronti, fa sempre piacere lasciare un buon ricordo -. Donadel infine parla della nuova squadra che è stata allestita per la stagione 2014/15. – Sulla carta la rosa è stata migliorata, sono arrivati giocatori di esperienza e giovani interessanti. L’unica incognita è che avendo cambiato tanto, la serie A non ti dà troppo tempo per amalgamare il nuovo gruppo. Ma il Verona ha un allenatore molto preparato come Mandorlini e sono sicuro che riuscirà a tirare fuori il meglio da tutti i giocatori -.