“Siamo felici della ripresa della Serie A. Iniziare il campionato vuol dire che il mostro del Coronavirus si sta dileguando e possiamo tornare alla normalità. Combattevamo contro un nemico invisibile, ma ho sempre detto che con i presupposti giusti si poteva ripartire e ora ci siamo. Sulle partite in chiaro non so cos’abbia detto Spadafora: lui fa politica e noi facciamo calcio, quindi andrebbe chiarito e specificato cosa veramente lui intenda. Un conto è dirlo e un conto è farlo. Non ci sono dispute con le pay-tv, ci sono accordi che vanno rispettati. Sky ha bisogno del calcio e il calcio ha bisogno di Sky. Io abbasserei un po’ i toni, torniamo allo sport perché in questo periodo si è parlato tanto, la miglior parola a volte è quella non detta. Speriamo di finire il campionato e tornare alla normalità. I positivi della Sampdoria? Siamo stati colpiti prima, anche il nostro medico a cui voglio molto bene ora sta meglio. I ragazzi stanno bene, sono sereni e hanno voglia di giocare. Questa cosa è molto triste, perché questa malattia non la conosciamo. Abbiamo avuto tra le 15 e le 17 persone positive, non è uno scherzo. I ragazzi sono felici, tranquilli, si stanno allenando, siamo felici di poter ricominciare a giocare. Ranieri è il nostro allenatore e non deve dimostrare niente: sono molto felice di averlo alla Sampdoria perché è un grande uomo prima ancora di essere un grande allenatore. Ci porterà dove batte il sole, l’importante è stare sereni come lo sono oggi i miei ragazzi. Sono vogliosi di fare il loro mestiere, correre per i prati, giocare e cercare di fare risultato. Riprendendo i campionati si azzerano i valori? L’importante è ripartire. La Sampdoria se la giocherà con tutti, chi è più bravo vince. Noi non temiamo l’Inter così come le altre squadre. Ho chiesto di affrontare prima i recuperi, magari avremmo bisogno anche di un po’ di fortuna. Adesso abbiamo Inter, Roma, Bologna e SPAL: ci divertiremo” ha dichiarato a Radio Marte il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero.