“Basta figli o figliastri. In questi giorni mi sembra di aver rivisto ”Parenti Serpenti" di Monicelli. Non siamo stupidi, sappiamo che la lotta per il titolo o le coppe europee hanno grande importanza, tecnica e mediatica ma giochiamo tutti lo stesso campionato, anche se abbiamo obiettivi diversi, che non sono meno importanti degli altri – ha dichiarato all’ansa, il numero uno della Sampdoria, Massimo Ferrero – Nello sport non ci devono essere figli di un Dio minore. Saremo molto vigili su questo. Non possiamo far passare l’impressione che il campionato italiano sia più importante della salute degli italiani. Lo sport deve vincere su tutto, mercoledì ci sta un’assemblea straordinaria della Lega Serie A al CONI per trovare una soluzione unica, che salvaguardi tutti i club e quindi i tifosi di tutte le squadre. Nel mondo stanno prendendo esempio dalla sanità italiana, ma nel calcio siamo riusciti a prevenire il caos. Quindi, mercoledì a Roma, nella casa dello sport, o tutti leoni o tutti…”