”Lo stadio è già stato ristrutturato nel 1990 per i Mondiali e, non so se per speculazioni edilizie o per convenienze, in maniera sbagliata: aver alzato un anello in più è stato uno spreco assoluto. Un errore incredibile è già stato commesso, dal 1990 in poi non lo abbiamo mai visto pieno, forse qualche volta nell’anno dello scudetto. La soluzione migliore quindi sarebbe di progettare un intervento come a Firenze, cioè lasciare lo stadio dov’è, abbassarlo per levare la pista di atletica e avvicinare il pubblico al campo ristrutturando l’esistente – ha dichiarato a vvox.it l’ex gialloblù, Gigi Sacchetti – Se avessero voglia di realizzare ristoranti, negozi e altro gli spazi al Bentegodi ci sono, ampissimi, senza buttare giù tutto e ricostruire. Oltre alla pista di atletica da levare, ci sarebbe tutto il secondo anello superiore da adibire a quello che si diceva prima. Basta sfruttare meglio gli spazi e ristrutturare per un motivo affettivo ma anche per una spesa sicuramente inferiore. In città c’è molto scetticismo, non c’è un riscontro da parte della piazza che non crede molto nel nuovo impianto, non sento fiducia ed entusiasmo”.