La soddisfazione dell’allenatore dell’Hellas Verona, Andrea Mandorlini, dopo il successo contro il Sassuolo

“Non abbiamo mai giocato così tanto in inferiorità numerica, tutti hanno dato il massimo, interpretando al meglio il mio credo, un calcio fatto di sacrificio. Toni? Non ci sono più parole. Ha fatto un gol alla Elkjaer, capitalizzando al meglio il lavoro della squadra che ha tirato fuori tutto quello che aveva dentro. Mi auguro che Toni non venga chiamato al doping (ride, ndr). Luca è sereno, ha una squadra che gioca per lui e capitalizza tutte le occasioni facendo dei gol che solo lui può fare. Si merita tutto questo e la squadra è giusto che giochi per lui, i suoi numeri sono importanti: 37 gol in due anni. Il mio futuro? Non lo vedo lontano da Verona. Oggi grazie ai ragazzi ho conquistato la vittoria n.81 da quando sono a Verona. Quando la società mi chiamerà, valuteremo insieme qual è la decisione migliore per entrambi”.