Campionato 2007/08, l’Hellas Verona è precipitato dopo 64 anni nell’inferno della Serie C. La dirigenza scaligera si affida subito a Franco Colomba (fino al 7 ottobre) poi tocca a Davide Pellegrini (fino al 31 dicembre) prima dell’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina scaligera. Il quarantottenne di Figline Valdarno, reduce da una toccata e fuga all’Avellino (abbandonato prima dell’inizio della stagione), inizia l’avventura in riva all’Adige, presentandosi ai suoi nuovi tifosi, all’Antistadio, con un abbigliamento total black e con l’etichetta di mister 33 per i suoi numerosi schemi da calcio piazzato. La sua esperienza all’Hellas Verona si rivelerà purtroppo un flop: un pareggio all’esordio in casa della Pro Sesto, poi cinque sconfitte consecutive contro Sassuolo, Cavese, Venezia, Legnano e Ternana, per un totale di sei partite, un pari e zero vittorie. Ko del Liberati che spinse Arvedi a richiamare Davide Pellegrini, protagonista poi dello storico spareggio di Busto Arsizio.