”Mi manca Verona, città bellissima e poi tifosi fantastici. Mi facevano sempre bere dell’ottima birra. Mamma mia che bei campionati che sta facendo l’Atalanta. Grande società, bella piazza. Quando sono tornato da avversario mi hanno fatto sempre grandi feste. Un ricordo? Il primo anno da avversario il mio amico Stromberg mi diede un calcio molto forte. L’ho rincorso per tutto il campo dicendogli in svedese se era matto. Anzi gli ho dato pure dello str…. Grande campione e amico Stromberg – ha dichiarato a l’arena il doppio ex della sfida di domenica al Bentegodi, Robert Prytz – L’eliminazione dell’Italia dai Mondiali? Si è eliminata da sola. Il calcio è semplice e poi conta la forma. Prendiamo il Verona. Ho visto gare brutte con gente sfiduciata. Adesso tutti si aiutano e si danno da fare. Lo stesso la Svezia contro gli azzurri. Immobile si era bloccato e poi non si aiutavano fra loro. Normale perdere perchè il calcio è un gioco di squadra. Un giudizio sul Verona? Mi piace lo stopper là dietro il serbo e poi il terzino sinistro Fares. Finirà in una grande squadra. Oggi, a parte i top club, contano molto le gambe. Adesso mi devo informare se riesco a vedere Verona-Atalanta, la mia partita. Credo che possa finire in parità così nessuno, come dite voi… Già nessuno si fa male”. Prytz, Prytz Babol. Foto: mediapolitika.com