Si ferma a dieci la serie di vittorie consecutive in campionato. Nel recupero della 4ª giornata, l’Hellas Verona ha ospita all’Antistadio la Cremonese. Alla presenza di Osvaldo Bagnoli, il direttore sportivo dell’Hellas Verona, Tony D’Amico (ha incontrato l’agente Beppe Riso, ndr) ed il portiere, Marco Silvestri, i gialloblù provano subito a dettare i tempi ed al 1’, Astrologo trova Cancellieri, ma il sinistro dell’ex Roma viene respinto da Scarduzio. È solo una fiammata però degli scaligeri che accusano un po’ la stanchezza visti i numerosi impegni ravvicinati. Al 23’ si fanno vedere gli ospiti col traversone dalla trequarti di Bernasconi ed il colpo di testa di Rancati, a lato. Cancellieri prova senza fortuna al 36’ a superare l’estremo difensore grigiorosso, primo tempo che si chiude col tentativo della Cremonese con Luciello che non riesce a finalizzare il cross di Bernasconi.

Al 56’ Cancellieri ci prova su punizione ma Scarduzio si allunga bene sulla sua sinistra e chiude in calcio d’angolo e cinque minuti dopo, Acella ci prova dalla distanza, ma Borghetto è attento. Cancellieri al 77’ cerca di piazzarla ma il pallone viene bloccato senza problemi dall’estremo difensore lombardo. Incredibile l’errore due minuti dopo di Yeboah che spara alle stelle da comoda posizione, gialloblù che ci provano invano anche subito dopo con Pierobon, ma il suo sinistro non trova lo specchio della porta. L’ultima occasione del match è per Marius che in pieno recupero scheggia il palo alla destra del portiere. L’Hellas Verona, dopo diciotto turni, consolida il primato e sale a quota 44 punti, +12 dalla seconda del girone A, a quattro turni dal termine del campionato.