La scelta di giocare intanto il prossimo turno a porte chiuse nelle zone a rischio coronavirus, rischia di falsare il campionato di Serie A. Il consiglio dei ministri ha optato per questa opzione, una decisione che pare non soddisfare i più, specie i tifosi, spettatori paganti delle decisioni dei vertici italiani. Il calcio, vista l’emergenza nazionale, è l’ultimo dei problemi, ci mancherebbe, ma proprio per questo la decisione dovrebbe riguardare indistintamente tutte le società.