Ciao ragazzi! Spinto dal classico amore genitore figlio, in questo caso zio e nipote, volevo inoltrarvi una poesia scritta da Pietro Brambilla (anni 12) sul mitico scudetto dell’Hellas. È nato con la fede per i colori gialloblù, incrollabile e spesso appunto ispirazione per poesie. Se avrete magari piacere di condividerla in questo periodo particolare…eccola qui! Grazie per il vostro lavoro di informazione. torneremo a tifare i nostri colori a squarciagola e sarà ancora più bello. Un saluto gialloblù da Luca

12 Maggio 1985

Faceva caldo quel dì di Maggio,
terminava per il Verona il viaggio:
allo stadio per vincer lo scudetto
e cucirsi il tricolore sul petto.

Quella squadra guidata da Bagnoli
schierava fuoriclasse in tutti i ruoli:
Briegel, Galderisi, Fanna, Tricella,
Elkjaer, Fontolan, Volpati, Garella.

In pochi all’inizio in te credevan,
o’ squadra sconosciuta di provincia,
Ma i cuori dei tifosi già battevan.

Siam pronti, di vittoria abbiamo sete.
Il fischio d’inizio, il sogno comincia.
Ecco, una voce grida forte: “Rete!”