“Non è stato un periodo semplice, la situazione è stata difficile per tutti. Solo uno della nostra squadra ha avuto il virus ma è stata dura per tutti”.
Siete d’accordo con la ripartenza del campionato?
“Ho sentito un po’ di pareri discordanti. C’è chi vuole ricominciare e chi no. A me piacerebbe ripartire ma servono regole certe perché la salute viene prima di tutto”.
Cosa vi ha raccontato Zaccagni dopo aver preso il virus?
“Ha avuto paura, è stato bene perché non ha avuto grossi sintomi ma si è spaventato per questo virus che ha ucciso migliaia di persone in Italia”.
Le nuove norme sui contatti tra giocatori potrebbe cambiare il gioco?
“Sì, sicuramente qualche difficoltà ci sarà, in uno sport fisico come il calcio. Si possono evitare gli abbracci dopo i gol ma mentre giocheremo i contatti ci saranno e sarà difficile. Non spetta a noi decidere se ricominciare o no”.
Cosa pensa della ripresa degli allenamenti individuali?
“E’ stato talmente difficile stare a casa che comunque andare al campo ad allenarci è importante. Lo spogliatoio manca, socializziamo molto lì, ma in un momento così ci dobbiamo adeguare” ha dichiarato a Radio Rai, il centrocampista dell’Hellas Verona, Matteo Pessina.