“La Serie A? Provo curiosità, non paura: quella è per i chihuahua. Ho paura solo dei cani. E non so perché. Il sentimento giusto è la curiosità: fino a due anni fa, al Napoli come vice Benitez ci lavoravo. E ho voglia di mettermi alla prova da solo – ha dichiarato Fabio Pecchia al Corriere dello Sport – Cassano? Non lo so. Leggo, sento. Vediamo. Di sicuro per la A bisogna strutturarsi in modo sostanzioso. Non sono un presuntuoso, ma voglio che la mia squadra sia sempre consapevole di quello che deve fare. Che non vada in campo e pensi: “Vediamo che succede”. Questo no. Il calcio ha troppi schemi fissi. Ho messo gli allenamenti al mattino, ho abolito il ritiro prima di diverse partite: all’estero ho conosciuto abitudini diverse che possono portare vantaggi”.