“Dal 9 marzo sono a casa, subito dopo l’ultima partita giocata in campionato in casa della Sampdoria. Come passo le mie giornate? Cerco di tenermi in forma per quel che si può e mi godo la famiglia. Tutte le sere il preparatore ci manda il programma, a seconda dell’ambiente in cui viviamo. Come e se terminerà il campionato? Non sappiamo niente, ogni giorno cambiano i programmi. Mi sembra tutto tranne che calcio quello che leggo. Manca il campo, il calcio vero, con gli stadi pieni. In questo momento faccio fatica a pensare al calcio, troppi morti e tanta sofferenza anche tra persone che conosco. Il calcio, come ha dichiarato Ancelotti, è la cosa più importante tra le meno importanti – ha dichiarato Giampaolo Pazzini in diretta sul profilo Instagram della Scaligera Verona – Nessuno si sarebbe mai aspettato una cosa del genere. Verona ha dimostrato ancora una volta il suo valore, una città molto diligente, con tante associazioni che danno una mano concreta in un momento così delicato. Giocare a porte chiuse? Una cosa oscena, davvero brutta”.