“Se ci dovessero essere più tifosi nostri a Verona sarà un surplace per noi. Ma i giocatori del Verona senza loro pubblico saranno più tranquilli. Se invece hanno il pubblico che lo fischia giocheranno diversamente e potrebbe essere un mezzo in più per noi. Al di là di questo sarà una gara da giocare ad armi pari. È uno scontro diretto ma non sarà decisivo. Punti per la promozione? Il mio numero è 75. Penso che possano bastare per vincere il campionato ed essere almeno tra le prime due. Considerando che ci sono 19 squadre. Come ho ritrovato Puscas? Più forte, più migliorato e consapevole delle sue possibilità. Con voglia di rivalsa, tante aspettative su di lui. Da dentro sono delle difficoltà da superare e le sta affrontando bene. È un’arma in più ed il futuro suo sarà ad alti livelli se continua così – ha dichiarato il conferenza stampa il portiere del Palermo, Alberto Brignoli – Con Pomini (nato a Verona è cresciuto nell’Hellas, era in panchina nello spareggio di Reggio Calabria, ndr) ho un bel rapporto. C’è onestà intellettuale e competizione sana anche in allenamento. C’è un confronto e onestà nel valutare le mie prestazioni o il modo di lavorare. Quando si prende gol analizziamo anche con Sicignano, ci si confronta senza malizia. Si lavora bene, è bello. Pomini è un buon portiere ed uno stimolo perché so che se non mantengo gli standard può giocare lui".