“Da qui in avanti ogni errore può essere fatale. Siamo consapevoli di quello che ci aspetta. Manca poco alla fine. Il Benevento viaggio davanti a noi. Ma è il momento di fare qualcosa che possa dare senso al nostro futuro. Viviamo di pressioni. Dall’inizio dell’anno si dice di noi: Verona candidato al salto. Lo sapevamo. E credo che l’Hellas oggi sia squadra di talento e qualità. Chi ci sta davanti però ha dimostrato di saper sbagliare meno – ha dichiarato Matos a L’Arena – Contro il Benevento vale moltissimo, sia per noi che per loro. Credo nella A. Penso sia ancora alla nostra portata. Il viaggio, semmai, è cambiato. Ci vorrà più tempo, più pazienza. Pure l’aiuto dei nostri tifosi. Spero continuino a starci vicini. Abbiamo bisogno di loro. Oggi più che mai. Perché niente è ancora stato scritto. Il campionato non ha ancora detto tutto. Come si vince? Battendo la paura. Una lotta con noi stessi. Dobbiamo stare sereni”.