L’analisi dell’allenatore gialloblù dopo il pareggio del Bentegodi contro l’Udinese.

“Un copione già visto quest’anno purtroppo. Nel finale di gara paghiamo la condizione generale specie di quei giocatori da poco recuperati. La vittoria è la medicina migliore ma al momento fatica ad arrivare. La vittoria ci manca tanto, specie a livello mentale e la squadra ha le possibilità per centrarla in tutti i campi e contro qualsiasi squadra, dobbiamo lavorare di più per ottenere i tre punti. Allenarci senza tutti gli effettivi ci penalizza, dobbiamo cercare di fare di più ed andarci a prendere questi tre punti. Difesa a cinque e si subisce gol? È una causalità, oggi abbiamo chiuso col 4-3-1-2, sul gol siamo stati un po’ troppo leggeri, peccato perché non c’era il sentore del pareggio dell’Udinese. Il gol della squadra di Colantuono mi ha preso alla sprovvista perché pensavo che il pallone uscisse. C’è frenesia tra i ragazzi, è normale visto il momento che stiamo attraversando. Gioco troppo a sprazzi, ma se gare così non le chiudi prima o poi subisci e così è stato. L’errore di Rafael sul pareggio? Devo rivedere meglio l’azione, ma gli errori fanno parte del gioco. Avremmo potuto fare meglio in occasione del pareggio dell’Udinese e questo ci dispiace molto. Mi pesa molto, sia a me che alla squadra, non essere ancora riusciti a vincere. Ma sono sicuro che questo momento finirà presto”.