L’ex allenatore dell’Hellas Verona, Andrea Mandorlini, parla dell’esonero del club di via Belgio. ”C’è stata una serie inenarrabile di infortuni: Toni, Pazzini, Gomez solo per citarne alcuni. Per me il motivo è solo questo. Certo, le responsabilità sono state di tutti, anche mie, ma io quest’anno ho dato il meglio anche rispetto agli anni scorsi, mi sentivo più maturo, migliore nel preparare le partite, e a me piace stare sotto pressione – ha dichiarato a Radio 24 – Dopo tutto quello che abbiamo fatto negli anni scorsi secondo me era giusto e anche più dignitoso quest’anno andare giù tutti assieme e poi ripartire, e l’ho detto anche alla società. Capisco però che si doveva provarle tutte e che questo passo andava fatto. Il futuro? È ancora troppo presto per parlarne, Verona è nel mio cuore, e col Verona ho ancora un anno e mezzo di contratto”.