Il presidente del Coni Giovanni Malagò torna a parlare di razzismo, ma lo fa allargando lo sguardo ad altri errori, a suo parere più gravi, che spesso si vedono allo stadio. “Ognuna delle componenti del mondo del calcio deve fare un salto di livello — ha detto a 24 Mattino su Radio24 —, non è una frase salomonica, ma bisogna coinvolgere chiunque, a partire da dirigenti e calciatori. Prendete chi platealmente fa finta di ricevere un fallo. Quella è una cosa gravissima, che esempio si dà? Sbaglia chi fa buuu a un giocatore di colore, ma sbaglia ancora di più uno che guadagna 3 milioni di euro e si lascia cadere in area, magari anche contento di prendere il rigore se l’arbitro non va a vedere al Var che non c’era”. Il presidente poi è tornato su questa dichiarazione forte e a margine della presentazione di un progetto della Federscherma al Foro Italico ha precisato: “Non dico che chi si butta in area sia peggio di chi fa cori razzisti, ma ogni attore protagonista deve fare la sua parte nel modo eticamente migliore”. Fonte: gazzetta.it