Nel suo impianto più storico, quello che per generazioni di veronesi ha rappresentato la quotidianità della vicinanza ai colori della città. Una casa, da sempre, dedicata anche al Settore Giovanile, in particolare la Primavera, che già negli anni dei due Scudetti (1967 e 1968) disputava le partite interne proprio di fronte al ‘Bentegodi’. Dopo oltre un mese di allenamenti da parte del Settore Giovanile e Femminile gialloblù, che hanno certificato la bontà del manto erboso sintetico di nuova generazione, è arrivato il via libera: sabato 16 dicembre la Primavera del Verona inaugurerà il nuovo impianto con la partita contro il Sassuolo, in programma alle 14.30 e valida per la 13a giornata di campionato. A mezzo secolo di distanza, quindi, un nuovo capitolo della storia dell’Hellas Verona sul campo intitolato a Guido Tavellin. I lavori, fortemente voluti dalla società, non si fermano: previste ulteriori migliorie nei prossimi mesi. Un giorno speciale, cui tutti i tifosi gialloblù sono invitati a partecipare: in occasione dell’esordio l’ingresso sarà gratuito fino a esaurimento posti. Una partita che vede le due squadre separate di 4 punti, con il Verona a 11 e il Sassuolo a 15, aperta quindi a qualsiasi risultato. Un incrocio che manca dalla stagione 2014/15, quando le due formazioni pareggiarono sia all’andata che al ritorno (1-1 e 2-2). Fonte: hellasverona.it