“Logico che quello è un prezzo massimo richiesto che non si è mai raggiunto, un prezzo ideale (1,15 miliardi di euro ndr) e che sta al di sopra di quello che poi si ottiene. Sapevamo che tutte le fasi di negoziazioni hanno una trattativa privata e sappiamo che quello che è arrivato potrà e dovrà essere migliorato. Ma le offerte non sono male per un periodo di emergenza Covid. DAZN è diventata piattaforma dominante in alcuni mercati. Si propone di sostituire Sky come attore principale in Italia, anche Sky avrà la possibilità di competere e di superare l’offerta fatta da Dazn nelle trattative private”. Le proposte delle due emittenti si siano “incrociate, hanno fatto offerte per entrambi i modelli”. “A partire dal 5 di febbraio, con una nuova formula in un hotel, in sale diverse in cui la commissione incontrerà i soggetti invitati. Il notaio riceverà dai soggetti le offerte migliorative che verranno custodite in cassaforte fino all’8 febbraio per le offerte definitive. Vedremo poi se le offerte saranno sufficienti o se passare agli intermediari, e se anche in questo caso si ritenesse di non dover proceder entreremo nella fase quattro con il canale di Lega con coloro che hanno partecipato con proposte a questo livello” ha dichiarato l’amministratore della Lega Serie A, Luigi De Siervo, a margine dell’assemblea sui diritti televisivi per il ciclo triennale 2021-2024. Fonte: calcioefinanza.it